Celiachia: un bacio sulla bocca può veicolare glutine? Intervista in esclusiva

bacio-glutineLa celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, presente in avena, frumento, farro, khorasan (Kamut), orzo, segale, spelta e triticale.

Per curare la celiachia occorre escludere dalla propria dieta anche le più piccole tracce di glutine. L’assunzione di glutine, anche in piccole quantità, può provocare diverse conseguenze più o meno gravi.

Abbiamo chiesto ad una persona celiaca, in base alla sua esperienza personale, se un bacio, scambiato con un individuo che ha ingerito glutine, può essere dannoso per un celiaco.

Ci ha risposto: <<Sulla questione esistono posizioni diverse tra medici e studiosi. C’è chi sostiene che la percentuale di glutine che può essere presente sulle labbra di una persona che si è alimentata con alimenti che lo contengono sia trascurabile e che quindi un celiaco non corra alcun pericolo baciando sulla bocca chi si è alimentato con cibi contenenti glutine. C’è invece chi sostiene che anche un bacio sulla bocca possa comunque essere potenzialmente pericoloso nel caso in cui il patner abbia mangiato da poco alimenti non adatti ai celiaci.>>

Abbiamo chiesto alla persona celiaca intervistata come si comporta quando vuole baciare sulla bocca. Ha risposto: <<La questione è molto semplice: faccio sciacquare la bocca e le labbra al patner con acqua corrente, se ha mangiato cibi a me non concessi, per evitare tracce di glutine. In passato ho avuto delle reazioni avverse>>.

Abbiamo chiesto di raccontarci cosa è successo. Ha risposto: <<La prima volta che ho baciato sulla bocca, non mi ero posta il problema. In realtà me l’ero posto molto prima ed avevo anche chiesto al medico che mi seguiva se potevo baciare tranquillamente sulla bocca senza rischiare di imbattermi nel glutine ma non avevo avuto risposta. Quindi, quando ho iniziato a dare i baci sulla bocca al patner si è trattato di una serie innumerabile: in pratica stavamo attaccati per ore per più giorni a settimana. Da quando ho avuto la diagnosi di celiachia ho sempre rispettato scrupolosamente la dieta senza glutine ed ho avuto sempre gli anticorpi antitransglutaminasi (gli anticorpi sviluppati dai celiaci se assumono glutine) negativi, tendenti allo zero, quindi ben al di sotto della soglia considerata positiva. Dopo circa un paio di mesi di baci, ho effettuato le analisi di controllo che faccio ogni anno ed ho trovato antitransglutaminasi di poco al di sopra della soglia di positività. Mi è stato detto che qualcosa contenente pochissimo glutine doveva entrare quotidianamente in contatto con la mia mucosa di bocca e/o intestino. Mangio solo cibo cucinato da me. Compro prodotti garantiti senza glutine e uso quelli che non lo contengono (come riso in chicchi, olio extravergine di oliva, yogurt naturale). Quindi ho contattato anche i produttori di questi ultimi prodotti che dovrebbero essere sempre senza glutine, anche se non riportato esplicitamente in etichetta. Mi è stato sempre risposto che i prodotti in questione (riso in chicchi, olio extravergine di oliva, yogurt naturale) non potevano contenere glutine neanche in tracce perché escluso sin dal procedimento di confezionamento. A quel punto ho pensato ai baci… . Il gastroenterologo mi ha risposto che gli antitransglutaminasi non erano molto alti e di non preoccuparmi. L’allergologo, invece, mi ha detto che la causa del lieve innalzamento dei miei antitransglutaminasi poteva essere causata dai baci e che quindi dovevo prendere delle precauzioni. A quel punto ne ho parlato con la persona con cui scambiavo baci e da allora si sciacqua prima di baciarmi, se ha mangiato cibo glutinoso. Quando ho ripetuto le analisi, 7 mesi dopo, senza aver modificato dieta o abitudini alimentari, gli anticorpi erano negativi.>>

Abbiamo chiesto se quindi i baci sono da considerarsi come un veicolo di glutine. Ha risposto: <<Molto dipende da quanto tempo è passato da quando la persona che si bacia ha mangiato glutine, se staziona sulle sue labbra (se si è pulita la bocca, se ha bevuto, se ha lavato i denti) e, ancor di più a mio parere, dalla sensibilità del celiaco. Infatti a proposito della soglia di sensibilità sembra che ci siano reazioni diverse tra individuo e individuo. I prodotti in vendita marchiati “senza glutine” sono quelli che ne contengono meno di 20 parti per milione e risultano sicuri per tutti. Bisogna fare attenzione anche a prodotti insospettabili come i rossetti che talvolta possono contenere glutine in tracce e, anche se non vanno ingeriti, entrano in contatto con la mucosa della bocca e possono far alzare gli antitransglutaminasi>>.

Abbiamo chiesto se baciare una ragazza con rossetto contenente glutine può dare problemi ad un celiaco. Ci ha risposto: <<Ho conosciuto un ragazzo celiaco che mi raccontato di essersi trovato in una situazione del genere: ha frequentato una ragazza che metteva un rossetto glutinoso che gli dava molti problemi. Poi, l’ha lasciata senza neanche parlargli del suo problema. Penso che se frequentiamo una persona che ci vuole bene, questa sia pronta anche a darsi una sciacquata e ad evitare di farci stare male>>.

La Redazione di Allnewslive24

Fonte: Allnewslive24 – 23/05/2014

Precedente L’Aquila: riaperto il Museo Nazionale d’Abruzzo Successivo Repellenti per le zanzare: quali sono tossici